W3C

Il World Wide Web Consortium rilascia la prima versione della specifica GRDDL

GRDDL unisce Semantic Web e microformati

Contatti America e Australia --
Janet Daly, <janet@w3.org>, +1.617.253.5884 o +1.617.253.2613
Contatti Europa, Africa e Medio Oriente --
Marie-Claire Forgue, <mcf@w3.org>, +33.492.38.75.94
Contatti Asia --
Yasuyuki Hirakawa <chibao@w3.org>, +81.466.49.1170

(disponibile in Inglese, Francese, Giapponese, e tradotta in altre lingue )



http://www.w3.org/ -- 24 ottobre 2006 -- Il Consorzio World Wide Web ha prodotto oggi un collegamento importante tra le comunità Semantic Web e microformati. Con "Gleaning Resource Descriptions from Dialects of Languages", o GRDDL (pronunciato come la parola inglese "griddle"), "), il software può estrarre automaticamente informazioni da pagine Web strutturate, per renderle parte del Semantic Web. Chi è abituato a esprimere dati strutturati con microformati in XHTML può adesso accrescere il valore dei dati esistenti trasportandoli al Web Semantico, ad un costo molto basso.

W3C invita la comunità ad inviare revisioni di questo First Public Working Draft, pubblicato dal GRDDL Working Group.

Differenti necessità, differenti modi di esprimere i dati

Un aspetto degli sviluppi recenti, che alcuni chiamano "Web 2.0", implica applicazioni basate sulla combinazione di diversi tipi di dati che sono diffusi in tutto il Web. Molte comunità attive che apportano innovazioni al Web, hanno in comune l'obiettivo di condividere dati come informazioni di calendario, informazioni sui contatti e informazioni di localizzazione geografica. Queste comunità hanno sviluppato numerose pratiche sociali e tecnologie che soddisfano le loro particolari necessità. Per esempio, i motori di ricerca hanno riscosso grande successo utilizzando metodi statistici, mentre le persone che condividono fotografie hanno trovato molto utile identificare le loro fotografie manualmente con brevi etichette di testo. Gran parte di questo lavoro può essere catturato per mezzo di "microformati". I microformati indicano insiemi di formati di dati semplici e aperti, costruiti su standard esistenti e ampiamente adottati, come HTML, CSS ed XML.

Quest'onda di attività ha connessioni dirette con l'essenza del Semantic Web. Le comunità basate sul Semantic Web hanno compiuto ricerche per migliorare la qualità e la disponibilità di dati sul Web, rendendo possibili una più cospicua integrazione di dati ed applicazioni più varie che possano scalare alla dimensione del Web e permettere combinazioni ancora più potenti. Il set Web-based di standard che sostiene questo lavoro è noto come Semantic Web Stack. Le fondamenta del Semantic Web Stack soddisfano i requisiti per la formalità di alcune applicazioni, come la gestione di estratti conto o la combinazione di dati medici.

Ci sono molti modi per "estrarre i dati". Ma perché limitarsi a un solo metodo, se si può beneficiare, a basso costo, di più d'uno? Dal momento che gli utenti di microformati prendono in considerazione più utilizzi, che richiedono la creazione di modelli di dati o validazione, come possono trarre vantaggio dai loro dati, in applicazioni più formali?

Un ponte tra applicazioni Web flessibili e Semantic Web

GRDDL è un ponte per trasformare dati espressi in un formato XML (come XHTML) in dati Web Semantico. Con GRDDL, gli autori trasformano i dati che essi desiderano condividere in un formato che può essere utilizzato e trasformato di nuovo per applicazioni più rigorose.

GRDDL Use Cases pubblicato recentemente, fornisce la comprensione del perché questa specifica è utile attraverso molti scenari, compresa la programmazione di una riunione, il confronto delle informazioni da diversi rivenditori al dettaglio prima di effettuare un acquisto, e l'estrazione di informazioni da wiki per agevolare l'e-learning. Una volta che i dati sono parte del Web Semantico, possono essere uniti con altri dati (ad esempio, da un database relazionale, esposto allo stesso modo al Semantic Web) per query, inferenze e conversione in altri formati.

GRDDL Primer mostra numerosi esempi pratici di "come funzioni GRDDL", un normale documento XHTML che utilizza microformati. L'impatto pratico dell'adozione di GRDDL sulle pratiche di authoring correnti è secondario; solo piccoli cambiamenti sono richiesti ai documenti già esistenti. GRDDL è così pronto ad essere utilizzato, ad un costo veramente molto basso.

Il World Wide Web Consortium [W3C]

Il World Wide Web Consortium (W3C) è un consorzio industriale internazionale in cui i membri, uno staff a tempo pieno e il pubblico lavorano congiuntamente per sviluppare gli standard Web. Il W3C persegue la sua missione essenzialmente mediante la creazione di standard Web e linee guida progettate per assicurare la crescita a lungo termine del Web. Oltre 400 organizzazioni sono Membri del Consorzio. Il W3C è guidato congiuntamente dal MIT Computer Science and Artificial Intelligence Laboratory (MIT CSAIL) negli USA, European Research Consortium for Informatics and Mathematics (ERCIM) con sede amministrativa in Francia e Keio University in Giappone, ed ha Uffici in tutto il mondo. Per ulteriori informazioni: http://www.w3.org/