W3C

W3C aggiorna XML Formatting Standard per incorporare le estensioni più diffuse

I miglioramenti di XSL-FO apportano benefici nella stampa e nella visualizzazione online

Contatti America e Australia --
Janet Daly, <janet@w3.org>, +1.617.253.5884 o +1.617.253.2613
Contatti Europa, Africa e Medio Oriente --
Marie-Claire Forgue, <mcf@w3.org>, +33.492.38.75.94
Contatti Asia --
Yasuyuki Hirakawa <chibao@w3.org>, +81.466.49.1170

(disponibile in Inglese, Francese, Giapponese, e tradotta in altre lingue )



http://www.w3.org/ -- 5 dicembre 2006 -- In risposta ai feedback di utenti e venditori, W3C ha rivisto lo standard XML di formattazione, già ampiamente sviluppato, XSL-FO 1.0 per supportare la creazione di indici di stile editoriale, barre di revisione, segnalibri PDF e includere altre caratteristiche molto diffuse. La nuova Recommendation XSL-FO 1.1 migliora l'interoperabilità standardizzando queste caratteristiche ed apportando altri miglioramenti, disponibili precedentemente solo come estensioni proprietarie.

XSL-FO 1.1 aggiunge nuove funzionalità

A seguito dell'ampia esperienza con XSL-FO per stampa e visualizzazione XML - più di 20 implementazioni commerciali che supportano più di 50 lingue - utenti e venditori contemporaneamente hanno invitato l'XSL Working Group a standardizzare un numero di estensioni molto diffuso, ma fino ad ora esclusivo. Queste includono il sostegno per lo stile di indicizzazione editoriale, le barre di revisione, i segnalibri PDF, i "segnapunti" condizionali di testo in tabelle (ad esempio per supportare somme parziali di dati finanziari), l'accesso al numero dell'ultima pagina di un gruppo ed a flussi multipli di testo su una pagina.

Oltre all'aggiunta di queste feature a XSL-FO 1.1, l'XSL Working Group ha aumentato il numero delle caratteristiche XSL-FO, fornendo referenze per profili di colore multipli, schemi numerici di pagina più complessi e chiarimenti per l'internazionalizzazione.

Questi cambiamenti e l'incorporazione di errata corrige, rappresentano l'evoluzione della specifica XSL-FO 1.1. Il Working Group ha apportato questi cambiamenti con particolare attenzione, sia alla compatibilità retroattiva, sia all'interoperabilità tra le realizzazioni esistenti.

Nuove opportunità e inizio del lavoro per la pubblicazione di XSL-FO 2.0

Al W3C International Workshop on the future of the Extensible Stylesheet Language (XSL-FO) Version 2.0 dell'ottobre 2006, i circa 40 partecipanti hanno concordato (vedi il report) che il lavoro per XSL-FO 2.0 deve cominciare. W3C si aspetta che questo lavoro inizi effettivamente entro gennaio 2007. Le organizzazioni non-Membro, interessate a partecipare, sono incoraggiate a contattare la pagina delle informazioni per aderire al Consorzio e questo Working Group in particolare.

Leader dell'industria ed esperti hanno contribuito alla potenza operativa di XSL-FO 1.1

La specifica XSL-FO 1.1 è stata sviluppata dal Sottogruppo XSL-FO dell'XSL Working Group, e approvata per la pubblicazione dall'XSL Working Group (WG) del W3C. Durante lo sviluppo di XSL 1.1 i membri del Sottogruppo XSL-FO hanno incluso i contributi provenienti da Adobe Systems Inc, HP, IBM, Inventive Designers, Isogen, Pageflex, PTC-Arbortext, RenderX e Sun Microsystems.

Il World Wide Web Consortium [W3C]

Il World Wide Web Consortium (W3C) è un consorzio industriale internazionale in cui i membri, uno staff a tempo pieno e il pubblico lavorano congiuntamente per sviluppare gli standard Web. Il W3C persegue la sua missione essenzialmente mediante la creazione di standard Web e linee guida progettate per assicurare la crescita a lungo termine del Web. Oltre 400 organizzazioni sono Membri del Consorzio. Il W3C è guidato congiuntamente dal MIT Computer Science and Artificial Intelligence Laboratory (MIT CSAIL) negli USA, European Research Consortium for Informatics and Mathematics (ERCIM) con sede amministrativa in Francia e Keio University in Giappone, ed ha Uffici in tutto il mondo. Per ulteriori informazioni: http://www.w3.org/